.
Annunci online

sharonlapaz
Autoritratto, 1937


Diario


14 gennaio 2008

Lo stupro come arma: il Darfur è anche questo.

   "I could hear the women crying for help, but there
was no one to help them.”



Dal 2003, inizio del conflitto in Darfur, migliaia di donne e bambine sopra gli otto anni sono state stuprate e ridotte a schiave sessuali dai miliziani janjaweed. Gli attacchi avvengono spesso mentre le donne si allontanano dai campi profughi, per le normali attività di ogni giorno, e gli stupratori sono quasi sempre in gruppo. Di ritorno al campo, le donne vengono rinnegate dalle loro stesse famiglie.

Lo scopo dei janjaweed, con la complicità delle forze regolari sudanesi, è infatti umiliare, punire, controllare, e terrorizzare la comunità da cui provengono. Lo stupro diventa così un'arma e porta, oltre al trauma in sé, le mutilazioni genitali, le ferite, l'alto rischio di contrarre e diffondere l'AIDS e altre malattie sessuali.

Refugees International ha ora rilasciato "Laws Without Justice", un dossier sull'accesso ai servizi legali delle vittime di stupro in Sudan: ne emerge un quadro dalle tinte fosche, in cui le donne sono vittime due volte.

Un chiaro esempio è il rischio, per la donna che denuncia le violenze ma che non riesca a provarle, di essere accusata di "zina", adulterio: la pena è morte per lapidazione per le donne sposate o centinaia di frustate per chi non lo sia.

Anche il ricorso alle cure mediche fornite dalla ONG presenti in Darfur risulta difficile e rischioso. Le ONG sottostanno alle rigide regole del Governo per continuare a operare nel terriorio, nonostante intimidazioni e attacchi, e perdono così molta della fiducia delle vittime, costrette spesso a compilare un modulo di denuncia che le espone ai rischi della giustizia sudanese.
Queste sono solo due delle conclusioni a cui sono giunte le analisi della Refugees International. Il resto lo trovate
qui.


Link: "
Darfur Advocacy Agenda": come fermare la violenza sessuale in Darfur

Grazie a Mauro per questo post, che verrà pubblicato in contemporanea dagli 89 bloggers che aderiscono a 
Italian Blogs for Darfur, movimento che, tra le molte altre iniziative, 
promuove un appello rivolto a Rai, Mediaset e LA7 affinché dedichino finalmente spazio mediatico alla tragedia del Darfur, adempiendo così al loro dovere di agenti d'informazione e assicurando al pubblico il diritto a sapere. Basta con lo slogan "Mai più", con cui l'Europa si riempe la bocca e si sollazza la coscienza nel Giorno della Memoria, se non lo si traduce in azioni concrete! Basta con l'ulteriore violenza mediatica nei confronti della povera Meredith! E che rispettino il diritto alla privacy nelle procedure d'inchiesta contro gli indagati. E' vero, io adoro i gialli, ma per questo c'è Agatha Christie. Se è il sangue che attira lo spettatore medio italiano - come sembra di capire guardando Matrix o Porta a Porta - in Darfur, quello di certo non manca.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stupri darfur informazione negata

permalink | inviato da sharonlapaz il 14/1/2008 alle 20:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
 


Ridi Irene Ridi
Ridi Pagliaccio
RIDI E BASTA


blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Darfur
Dialogo (ci si prova)
Radicali Israele
Diaro del Cairo

VAI A VEDERE

Jewish Refugees
Sandmonkey
Italian Blogs for Darfur
Renato Zero
Il Calibano
Miss Welby (sua nipote)
Associazione Coscioni
Partito Radicale Transnazionale
Informazione Corretta
Israele.net
Fai Notizia
ilblogdibarbara
Esperimento
Fiamma Nirenstein
onde_road
Un giovine non-giovine (non me ne voglia!)
Gianni Vernetti
Imperfections
RosaNelPugno
Un grande minimalista
Ariela - dal kibbutz
I Dolci Inganni
Illaicista
Vulvia
Quel Genio di Chiara Lalli - Bioetica


No Peace Without Justice

Italian Blogs for Darfur

DARFUR: 400 mila morti, 2 milioni di sfollati, 200 mila rifugiati

CERCA